Quando dobbiamo arredare uno o più bagni, prima di procedere con la scelta dei materiali e dei complementi di arredo (tende, accessori, etc.) è indispensabile distinguere tra le possibili e diverse destinazioni dello spazio. In questo articolo condivideremo alcuni accorgimenti e consigli utili per l’arredo di due tipologie di bagno: padronale e di servizio.

Le differenze principali tra bagno padronale e bagno di servizio

I bagni situati all’interno delle abitazioni devono essere dimensionati e arredati in modo tale da poter ospitare in modo funzionale alcuni complementi che rappresentano il minimo comune denominatore di ogni bagno che si rispetti. Nello specifico: lavandino, bidet, water e doccia o eventualmente vasca da bagno.
Il bagno padronale contiene questi elementi e, qualora sia disponibile più spazio, può prevedere accessori aggiuntivi per contenere oggetti o semplicemente per arredare con gusto e design tutto lo spazio a disposizione.

Nel bagno di servizio, proprio per la funzione che esso ricopre, la superficie si riduce notevolmente. Nella maggioranza dei casi, infatti, la differenza maggiore tra il bagno padronale e quello di servizio è che quest’ultimo può essere dimensionato per contenere solo alcuni degli elementi essenziali.

Bagno padronale: comfort e relax

Tra le maggiori differenze che distinguono bagno padronale e bagno di servizio c’è sicuramente la diversa collocazione all’interno della casa e la dimensione. Il bagno padronale è collocato nello spazio limitrofo alla zona notte o anche all’interno della camera da letto padronale. Data la sua disposizione, il bagno padronale è un luogo dedicato all’intimità, al comfort e a momenti di vero relax.

 

bagno-padronale-e-bagno-di-servizio

 

Proprio per questo motivo un accorgimento importante riguarda la funzionalità degli arredi: all’interno di un solo spazio è possibile arredare ogni centimetro in modo tale che ogni oggetto sia a portata di mano e che ogni prodotto abbia la sua giusta sistemazione, evitando caos e disordine.

Bagno di servizio: funzionalità salvaspazio

Quando si parla di bagno di servizio le parole d’ordine sono funzionalità e gestione dello spazio. A questa tipologia di bagno, infatti, è quasi sempre destinato uno spazio minore di quello che normalmente è dedicato a un bagno padronale. Quando arriva il momento di arredarlo prima di tutto bisogna considerare le varie funzioni a cui si deciderà di adibire tale spazio: sarà un bagno-lavanderia? O un bagno destinato esclusivamente agli ospiti? In ogni caso è fondamentale pensare al bagno di servizio come a uno spazio funzionale che pur avendo i comfort adatti alla sua destinazione d’uso permette utilizzare in modo efficiente ogni centimetro a disposizione.
Inoltre, viste le dimensioni contenute e la sua funzione, per arredare questo tipo di bagno occorre sistemare i sanitari e gli elementi di arredo seguendo una scrupolosa progettazione degli interni. Ma come possiamo arredare un bagno di servizio in modo che sia anche esteticamente piacevole e ospitale per chi ne fa uso?

 

bagno padronale e bagno di servizio4 consigli per arredare un bagno di servizio

 

Il bagno di servizio è la tipologia meno considerata quando ci troviamo nella condizione di dover arredare un’abitazione, seppure abbia un ruolo cruciale. In questo paragrafo forniamo alcuni accorgimenti per compiere delle scelte efficaci, sia in termini di funzionalità sia in termini di comodità e agio:

  1. Evitare gli spigoli. Scegliere sanitari e mobili dalle forme morbide renderà il vostro bagno di servizio più comodo e funzionale.
  2. Scegliere ampi specchi. Uno specchio ampio permetterà di creare un’illusione ottica: agli occhi dei tuoi ospiti, infatti, il bagno di servizio sembrerà molto più grande e luminoso di quanto non sia in realtà. Ampliare idealmente lo spazio concorre a rendere il bagno decisamente più confortevole, pur trattandosi di un bagno di servizio.
  3. Optare per oggetti in sospensione. “Ogni centimetro risparmiato è un centimetro guadagnato”. In un bagno di servizio, scegliere sanitari in sospensione permette di ottimizzare lo spazio magari inserendo basi porta lavabo per poter riporre prodotti e oggetti.
  4. Inserire mobili a doppia funzione. Il termoarredo è l’esempio perfetto: questa tipologia di oggetto, oltre a riscaldare la stanza, permette di riporre accappatoio e asciugamani recuperando alcuni centimetri di spazio ed evitando di inserire nel bagno ulteriori elementi di arredo come attaccapanni o porta oggetti.

Conclusione

Il bagno padronale all’interno di ogni abitazione corrisponde a un luogo intimo e privato e, indipendentemente dalla metratura, è il luogo che più di ogni altro si presta a momenti di comfort e relax. Il bagno di servizio, al contrario, è uno spazio decisamente più funzionale nel quale ogni fase della sua progettazione risponde a esigenze e funzioni ben precise e definite. Resta il fatto che questi due bagni, pur ricoprendo ruoli diversi all’interno delle nostre case, con qualche accorgimento possono essere personalizzati grazie ad elementi di design che permettono di abbellire la stanza senza rinunciare a comodità e funzionalità.

Redazione

About Redazione

Leave a Reply